PostHeaderIcon FIORENZA 1989 – VIEUSSEUX 0-2

29.11.11 – 09:30

Fiorenza 1989 – Vieusseux  0-2  (0-1)

Reti: Suriano al 18′, Sadikov al 56′

 

A.D. Vieusseux:

Caputo 6+, Ranieri 6+, Foresta 6+, Calvetta 6- (dal 48′ Amato 6), De Santis 6+, Pasquale 6+, Suriano 6,5 (dal 78′ Rosales SV), Trimboli 6, Leperoti 6 ( dal 55′ Mazza 6), Sadikov 6+ (dal 62′ Contemoro 6), Palermo 6,5 (dal 73′ Esposito 6); a disp. Bianco, Marinelli; All. Benedetti; Dir. Stellini, Rausse

Fiorenza 1989:

Manetti, Nesticò, Viti, Gentili, Crescioli F., Cionci, Archetti, Crescioli L., Salamone, Conca, Petragallo; a disp.: Schettini, Donati, Giani, Cavaliere, Amati, Agostini;Dir. Tozzi, Crescioli F.

Ammoniti: Trimboli e De santis (V), Conca, Cresciolki L., Salamone e Giani (F)

Arbitro: Gatì, collaboratori di linea Cencetti eBonucci 6; direzione di gara normale, senza episodi che ne possano aver condizionato l’esito finale. Buone le segnalazioni degli off side e la gestione delle ammonizioni anche se il Fiorenza si è un pò lamentato, ma nel complesso una gara tenuta abbastanza bene in pugno dalla terna.

Che non sarebbe stata una partita facile, a dispetto del divario in classifica tra le due squadre, era facile prevederlo; il Fiorenza è una squadra esperta, tenace che non molla mai, capace negli ultimi campionati di rimonte incredibili. Il Vieusseux entra in campo non pensando alla classifica, nè alla partita che si svolge a pochi metri di distanza tra Bomber Group e Querceto (a ricordarlo ci pensano i sostenitori del Querceto, i cui fumogeni e cori da stadio vero si sentono chiaramente sino al Cerreti) e parte subito fortissimo creando già nei primi minuti le premesse per il vantaggio, prima con Palermo e Poi, a seguito di una punizione di Trimboli respinta dal portiere, con una botta a colpo sicuro di Liperoti sul quale si “immola” un avversario ed evita la capitolazione. Il vantaggio e’ però rimandato di pochi minuti, siamo al 18′ quando ancora Palermo entra in area da sinistra ed esplode un tiro che, respinto dal portiere, va sui piedi di Suriano, che aveva tagliato da destra, gran botta al volo e 0-1. Il Vieusseux insiste e sembra poter raddoppiare da un momento all’altro con Liperoti che incrocia larga una bella combinazione di gioco. Negli ultimi 10 minuti di gioco del p.t. affiora qualche scaramuccia, vola qualche parola di troppo e, come logica, viene perso il filo del gioco da parte del Vieusseux tanto che il Fiorenza assume l’iniziativa, si procura alcuni corner e punizioni pericolose, con una delle quali sfiora il pari.

Regolatina nell’intervallo da parte del Mister, ma gli effetti tardano a venire ed il s.t. è più confusionario rispetto al primo, si gioca meno palla a terra e si sbagliano troppi appoggi e, anche se non vengono corsi pericoli, il punteggio rimane in bilico. Al quarto d’ora il Vieusseux perde anche il suo capitano e bomber Liperoti per una contrattura e Benedetti manda in campo l’esordiente  (quest’anno) Mazza senza snatiurare la fornmazione. Dopo pochi minuti ci pensa Sadikov a chiudere i conti con una rasoiata che lascia immobile Manetti per il definitivo 2-0. Da lì al termine tutta la linea avanzata del Vieusseux verrà sostituita con gli ingressi in campo, oltre al già citato Mazza, di Contemoro, Esposito e Rosales, mentre all’inizio di ripèresa un buon Amato aveva rilevato un nervoso Calvetta.

Rimane il tempo per annotare, nel recupero, una caduta in area di un giocatore del Fiorenza con richiesta di penalty negata agli uomini di Crescioli e l’ammonizione a De Santis, che salterà per squalifica il prossimo turno di campionato. Onore al Fiorenza che lotta sino al termine senza mai mollare nonostante il doppio svantaggio.

Buoni i punti per la classifica, ma da migliorare la tenuta, sopratutto psicologica, della squadra che, dopo un’ ottima mezzora si è disunita ed ha mostrato qualche accenno di nervosismo di troppo. E’ normale che le squadre che ci affrontano lo facciano  con il massimo impegno data anche la classifica che portiamo in dote, quindi dobbiamo essere pronti a giocare ogni incontro con la massima tranquillità e concentrazione, senza fare programmi a lunga scadenza troppo ambiziosi

Ci dispiace comunque per “Mirko”, ma dovrà attendere almeno un’altra settimana per vederci risvegliare dal nostro sogno.

A.D.  Vieusseux Calcio

Lascia un Commento