PostHeaderIcon SAN QUIRICO – VIEUSSEUX 3-0 , SCONFITTA “CERCATA”

16.12.15 – 18:15

San Quirico – Vieusseux 3-0 (0-0)

Reti: SQ 48′, 74′, 81′

Espulsi: 44′ Righi e Galletti

Arbitro: Sig. Poggiali 5,5 direzione di gara normale macchiata dalla discutibile (a norma di regolamento) interpretazione nell’occasione dell’ espulsione di Righi che ha causato anche la ingiustificabile  (sia chiaro per il giocatore) seconda espulsione di Galletti.

Vieusseux

Caputo 6, Baroni 5,5 (76′ Antonini), Fioretti 5,5 (72′ Matteucci SV), Benvenuti 6 (73′ Gabbrielli SV), Righi 6, De Santis 6,5, Galletti 4,5, Beneduce 6 (75′ Metafonti SV), Liperoti 6,5, Quattrocchi 6 ( 46′ Lazzeroni 6), Suriano 6 ( 46′ Caniglia 6); all.: Benedetti

” E’ arrivata la prima sconfitta in campionato puo’ essere anche normale, quello che fa male e’ il modo in cui e’ arrivata. In un minuto la gara, sino ad allora equilibratissima, e’ girata in modo clamoroso dalla parte del San Quirico, che anche dopo il vantaggio di una rete e di due uomini, non ha mai dato l’impressione di essere superiore (i due gol nel finale non contano niente). In definitiva una interpretazione del D.G. ed una sciocchezza hanno deciso la gara”

Alle Due Strade si affrontano le capoliste del campionato anche se il Vieusseux conta due partite in meno.

Le squadre lamentano un numero paritetico di assenze (almeno 5/6), ed il vieusseux schiera un classico 4-4-1-1 con una difesa inedita, senza laterali di ruolo per le assenze, tra le quali spiccano anche quelle di Trimboli, che ne avrà per diversi mesi, di Volpi e Gaudiello, mentre Caniglia si accomoda in panchina.

Parte meglio il San Quirico che prova ad approfittare della fase di assestamento della difesa ospite, ma non crea pericoli.

La prima emozione dopo 9 minuti con una conclusione a girare di galletti da sinistra che sfiora l’incrocio dei pali; rispondono i padroni di casa che vanno vicini al gol con una volee in area su assist da calcio di punizione (palla alta di poco). Il san Quirico tende ad iniziare sempre le manovre con il palleggio basso, sempre orchestrato da Pineider, oggetto  di una caso di mercato settembrino dato che il forte giocatore si era “promesso” al Vieusseux per poi  tesserarsi con il San Quirico, lasciando l’amaro in bocca a chi gli aveva creduto, ma ognuno e’ libero di comportarsi come vuole, ci mancherebbe; il Vieusseux gioca sul pressing e sulle ripartenze andando ancora vicino al gol con lo stesso Galletti, che si inserisce bene anticipa tutti, ma poi colpisce male al momento di mettere dentro e successivamente con Quattrocchi al quale lo stesso Pineider sporca il passaggio di Galletti, con il tiro al volo che finisce largo.

Alla fine del tempo c’e’ la consapevolezza di poter fare il colpaccio con un Vieusseux che era apparso piu’ determinato degli avversari.

Ad inizio s.t. l’impressione e’ confermata, ma la sorpresa e’ dietro l’angolo: su di un rinvio lungo l’attaccante prende il tempo ai centrali e si invola verso la porta di Caputo per essere fermato fallosamente da Righi fuori area, il D,G, fa proseguire l’azione visto che la palla carambola sui piedi di un altro giocatore del san Quirico ben appostato, il quale disturbato (forse anche in questo caso irregolarmente da Baroni) mette fuori alla sinistra del portiere.

Il vocio fa presagire qualche provvedimento ed il D.G. che decide di assegnare (dato che il vantaggio non si e’ concretizzato in gol) punizione dal limite e di espellere Righi. Interpretazione molto penalizzante per il Vieusseux, dato lo sviluppo dell’azione e la concessione del vantaggio (che era evidente) sarebbe probabilmente stato sufficiente il giallo. Si va a formare un capannello di maglie bianco rosse intorno al D.G. con proteste veementi e forse giustificate, ma Galletti va oltre e sbaglia clamorosamente proferendo un ‘offesa che obbliga (in questo caso giustamente) il D.G. a mostrare anche a lui il rosso. Frittata fatta con quasi u tempo intero ancora da giocare. Benedetti corre ai ripari cercando di coprire la squadra ed inserisce Lazzeroni e Caniglia al posto di Quattrocchi e Suriano, lasciando il solo Liperoti in avanti, ma le mosse vengono sbaragliate subito dopo con un eurogol di Sferragatta dal limite (gran gol, ma neanche un po’ di fortuna per il Vieusseux….).

La squadra potrebbe andare incontro ad un imbarcata, ma non sarà così, anzi, moltiplica le forze e lotta con ardore cercando di sopperire alla doppia pesantissima inferiorità numerica; nessuno si tira indietro né risparmia una goccia di sudore, costringendo gli avversari  ad un atteggiamento sorprendentemente guardingo ed a volte anche preoccupato. La squadra rimane con lo stesso assetto sino a 10 dal termine quando Lazzeroni viene spostato in avanti accanto a Liperoti con la difesa a tre incaricata di lanciare lungo per tentare il miracoloso pari, ma oltre ad un paio di spaventi ed una bella incornata di Liperoti su cross di Caniglia non si riesce ad ndare.

La serata storta raggiunge il culmine quando Baroni, generosamente, cerca di raggiungere un pallone che stava uscendo in fallo laterale per provare l’ennesimo lancio lungo, ma scivola lasciando via libera all’avversario che serve al centro per il raddoppio facile facile, come facile sarà il 3-0 (ininfluente) nel recupero.

Conclusione finale: “chi e’ causa del suo mal pianga sé stesso”, cio’ che fa la differenza spesso e’  mantenere la testa a posto nei momenti cruciali delle partite, soprattutto di quelle piu’ importanti. Speriamo che quanto accaduto sia da esperienza per chi ha sbagliato ed anche per chi ha assistito. Niente drammi, comunque, la squadra ha dimostrato grande carattere e dignità nel continuare a giocare a viso aperto nonostante la situazione critica che si era creata.

Lunedì controprova con il Querceto, l’avversario peggiore che potesse capitare in questo momento, con diverse assenze all’orizzonte, ma anche la grande occasione di riscatto, che, i giocatori che scenderanno in campo proveranno con tutte le forze a centrare.

Gioved’ allenamento al cerreti e Lunedì, dopo la gara, tutti al “Pallaio” per una pizzata pre.natalizia.

Avanti Vieusseux.

A.D.Vieusseux Calcio

Lascia un Commento