PostHeaderIcon la stagione finisce come era iniziata, fatali i rigori..

21.06.18 – 16:00

San Lorenzo – Vieusseux 0-0 (4-3 dopo calci rig.)

Reti: Suriano -gol, Righi gol, Beneduce – parato, Quattrocchi-gol, Liperoti-parato.

Vieusseux

Caputo 6,5, Portomeo 6,5, Piccini 6,5 (78′ Fioretti sv), Beneduce 6,5, Dafichi 7, Righi 7, Galletti 6 (60′ Gaddicci 6), Suriano 6,5, Biancalana 6 (78′ Liperoti sv), Quattrocchi 6, Lazzeroni 7; a disp.: Matteucci, Antonini, Severi; all: Benedetti

Commento

Ultimo atto di una stagione lunga e travagliata in cui la squadra ha dovuto affrontare moltissimi e ripetuti problemi di organico, raggiungendo, comunque l’obiettivo che si eraa prefissa, ovvero i pley off, che, stavolta, pero’ non hanno consentito la quarta qualificazione onsecutiva ai Regionali.

Venendo subito alla formazione, va in campo inizialmente un 4-4-1-1 classico, stante anche l’assenza dall’inizio anche di Gadducci (fermato al lavoro sino alle 21), oltretutto apparso in ottime condizioni sabato a Rimini.

Rispolverato dall’inizio Piccini con Portomeo a destra, Galletti e Lazzeroni sulle fasce e Quattrocchi e Biancalana in avanti con Liperoti confinato in panchina per via della caviglia ancora malconcia.

Gli avversari sini i freschi vincitori dell’A2, appaiono squadra fisica e tosta che hanno fatto del loro campo (purtroppo un campo stretto con fondo in pessime condizioni..) un vero e proprio fortino.

Il Vieusseux si cala subito nella situazione, certamente non favorevole alle proprie caratteristiche, ed interpreta la gara nel modo giusto, senza tanti fronzoli, lottando su tutti palloni, spesso in aria, e cercando di colpire con veloci ripartenze negli spazi. Nel primo tempo regna un equilibrio quasi perfetto, nessuno risparmia i colpi, la difesa appare molto solida ed, in due o tre occasioni, si presenta anche la possibilità di fare gol con Quattrocchi 2 volte, con lazzeroni e con galletti, ma le conclusioni non vanno a buon fine, mentre im padroni di casa si rendono pericolosi solo in una occasione a seguito di corner.

Si capisce che la gara si puo’ sbloccare solo con un episodio, fare gioco e’ molto complicato, sia per il terreno che per il pressimg reciproco a tutto campo, con le squadre che appaiono oltretutto in buona condizione atletica nonostante il caldo e le molte gare nelle gambe. I padeoni di casa hanno forse il vantaggio di avere qualche cambio in piu’ per immettere energie in campo, nel Vieusseux non e’ semplice pensare a sostituzioni, dato che i protagonisti in campo fanno il proprio dovere; unico a subentrare Gadducci, a metà ripresa, in luogo di Galletti, a corto di allenamenti.

Il sec0ndo tempo ricalca in pieno il primo, il sottile filo dell’equilibrio non si spezza e le difese hanno sempre la meglio anche perche’ agli attaccanti arrivano palloni sporchi e difficili da addomesticare. Il san Lorenzo ha una buona occasione, ma l’attaccante cicca il tiro da buona posizione; il Vieusseux passa al 4-3-3, ma senza ottenere effetti. Le maggiori emozioni si concentrano nei tre minuti di recupero: prima e’ Righi a colpire in pieno la traversa a seguito di punizione calciata in area da Suriano, dall’altra parte, sempre a seguito di punizione la palla schizza nella 3/4 dove un giocatore di casa prova la conclusione da almeno 35 metri e per poco non ci scappa lì’eurogol. La gara finisce così con il giusto risultato di 0-0 ela qualificazione alla finale vs il San Frediano viene affidata ai calci di rigore.

Il Vieusseux si porta avanti nei primi 2 tiri grazie alla parata di caputo ed ai gol di Suriano e Righi, ma l’errore di Beneduce ristabilisce l’equilibrio che rimane anche al quarto tiro che Quattrocchi mette dentro; fatale l’errore di Liperoti (entrato proprio per calciare il penalty) che si fa parare la conclusione e cos’ a fare festa grande sono i ragazzi del san Lorenzo.

Alla squadra scesa in campo ieri sera non va fatto alcun appunto, determinati, attenti, concentrati dal primo all’ultimo minuto, forse poco cattivi davanti, ma questo non e’ certo una novità.

Nei prossimi giorni  sarà  fatto un punto sulla stagione che dimostrerà inequivocabilmente la positività della stessa se rapportata alle infinite difficoltà che si sono manifestate dall’inizio sino ad ora. Tanto per essere chiari mai due volte di seguito  la stessa formazione e non per scelta, ma per necessità e questo dice tutto.

A.D.Vieusseux Calcio

Lascia un Commento