PostHeaderIcon Pareggio all’ultimo respiro con coda ad “alta tensione”

06.02.19 – 15:00

Bomber Group – Vieusseux  1-1 (1-0)

Reti: Santoni 15′ (BG), Fioretti (V) 85′

Arbitro: voto 6

Che sarebbe stata una gara dai toni piuttosto accesi era lecito aspettarselo, data la posizione delicata in classifica di entrambe le compagini e data anche una crescente rivalità ed anche una “certa antipatia”   tra i giocatori benche’ i due tecnici si conoscano da decenni e condividano la stessa passione per la Fiorentina, ma così e’.

Vieusseux

Versari 6,5, Baroni 6 (78′ Matteucci SV), Lazzeroni 6, Beneduce 5,5, Dafichi 6 (74′ Portomeo SV), Righi 6 , Trimboli 6 (75′ Baggiani SV), Suriano 5,5 (69′ Fioretti 5,6), Liperoti 6, Galletti 6, Gabbrielli 5,5 (54′ Pasquale 6); a disp: Metafonti R.; all: Benedetti

Il Vieusseux riparte dal modulo 4-3-3- che prevede il trio di centrocampo formato da Trimboli, Beneduce e Suriano, la difesa a quattro e Galletti e Gabbrielli in supporto di Liperoti.

Già dalle prime battute si intuisce quello che sarà il leit motiv di tutta la gara, con il Vieusseux piu’ portato alla manovra ed al possesso palla ed il Bomber che cerca le ripartenze sui prorpi veloci attaccanti, tra i quali il pericolosissimo Santoni.

Il Vieusseux pare abbastanza in controllo, ma, alla prima disattenzione (questa volta tocca a Trimboli perdere palla sul limite dell’area di rigore, i padroni di casa vanno in gol proprio con Sanyoni che esplode un sinistro incrociato che non lascia scampo a Versari. Siamo appena al quarto d’ora, ma già le cose si mettono in salita, anche perche’ l’idea di lasciare spazio ai contropiedi del Bomber non e’ certo di quelle che fanno dormire sonni tranquilli.

Detto questo il Vieusseux non si scompone piu’ di tanto e, pur senza grandi cambi di ritmo, si affaccia pericolosamente nelle vicinanze dell’area avversaria portando diversi palloni che, però, no vengono quasi mai sfruttati a dovere per la cronica (quest’anno) mancanza di lucidità e la cattiva gestione nelle rifiniture. Molti i cross (inutili) dalla tre quarti ed i passaggi sbagliati contro una difesa che non pare impenetrabile, tanto che, nelle uniche due occasioni nelle quali l’azione arriva sul fondo del campo a destra, si creano altrettante occasioni da gol; sulla prima Liperoti, forse ingannato dal liscio del difensore davanti a lui, colpisce sporco e la palla sbatte sul palo senza superare la fatidica linea di porta, sulla seconda la conclusione dello stesso centravanti e’ ribattuta a pochi passi dalla porta, da un avversario, per il resto tiri fuori misura e corner senza esito. Il Bomber non sta a guardare  e potrebbe raddoppiare quando la trappola del fuorigioco non scatta, ma e’ bravo Verasi a salvare in uscita.

La ripresa di apre ancora con il Vieusseux proteso in avanti, ma i guizzanti attaccanti di casa ripartono negli spazi ed i difensori sono spesso costretti a ricorrer a falli anche plaeali data la velocitò, cos’ arruvano diverse ammonizioni nel giro di 10 minuti e, l’inevitabile  espulsione di Beneduce. In panchina non ci sono centrocampisti da inserire ed allora il mister vara un 3-2-3-1 che dara’ i suoi frutti, con lo spostamento di righi a centrocampo accanto a Trimboli per dare copertura e sostanza, la difesa a tre con l’inserimento di Pasquale (al nuovo esordio nel Vieusseux dopo oltre 4 anni di esilio….) accanto a Baroni e Dafichi, davanti esce Gabbrielli ed i tre dietro Lieroti sono Suriano, Lazzeroni e Galletti che nella mezzora finale si scambieranno spesso di posizione per trovare la chiave risolutiva.

Pur in inferiorità numerica e’ il Vieusseux a fare la partita, ma sono solo ancora due i pericoli per il Bomber: una bella punizione di galletti ed un colpo di testa ben parati dal portiere, mentre dall’altra parte Versari e’ ancora bravo in uscita ed una volta e’ salvato dal palo.

Nell’ultima fase di gara c’e’ l’inserimento di Fioretti sulla destra per sfruttare la sua corsa oltre che di tutti gli altri componenti della panchina, anche per una sorta di coinvolgimento di gruppo in un momento così delicato. Il tema non cambia e va apprezzata la caparbia del Vieusseux di non gettare via il pallone sino all’ultimo istante, quando proprio Fioretti di inserisce sulla destra ed in velocità fa partire un cross che da “sbagliato” si trasforma in un toccasana in quanto inganna il portiere, lo supera e si insacca alle sue spalle.

Qui va in scena la parte peggiore della serata, la naturale esultanza dei giocatori ospiti e’ condita da alcuni gesti  di scherno (chi li ha fatti e’ stato redarguito da chi di dovere e anche dai compagni) e si e’ scatenata una gazzarra, prima in campo e poi al rientro negli spogliatoi, dove sono entrati anche alcuni tifosi di casa in modo assolutamente indebito. L’ipotesi di rissa e’ stata sedata per fortuna in breve tempo senza conseguenze per alcuno, ma il rischio corso non e’ stato di poco conto.

L’episodio  purtroppo non potra’ che acuire certe ruggini, di cui si parlava in apertura di articolo, tra le due squadre, entrambe impegnate nella lotta per la salvezza come dice inequivocabilmente l’attuale classifica.

Obiettivamente il risultato e’ giusto per quello che si e’ visto in campo, certo così non potrà sembrare al Bomber, ma l ‘ aver giocato quasi un tempo in supeiorità numerica,  senza aver sfruttato gli ampi spazi per ripartire ed aver subito una certa supremazia territoriale degli avverasri sino al pari in extremis venuto in modo fortunoso, non potra’ che lasciar loro l’amaro in bocca.

Del Vieusseux la conferma della sterilita’ offensiva che dura ormai da inizio campionato ed il ripetersi di errori determinanti sempre puniti dagli avversari che , con l’equilibrio che regna quest’anno, fanno davvero la differenza in negativo. Di positivo il carattere e la voglia di non molare sino alla fine e la ricerca del gioco palla a terra anche quando la tentazione di sparare i palloni della disperazione nell’area avversaria sarebbe stata tanta.

Finalmente la dea bendata si e’ ricordata anche del Vieusseux con il gollonzo al 85′, ma c’e’ ancora molto da lavorare per trovare le soluzioni ai problemi descritti sopra, ma il Vieusseux ha i mezzi per farlo.

Giovedì recupero al Ferrore (ore 21,00 inizio gara) con il CDP Greve, reduce da ottimi risultati. Sarà un test difficilissimo da affronatare senza Marco e Ciro, ma ci faremo trovare pronti. Avanti Vieusseux.

A.D.VIEUSSEUX CALCIO


Lascia un Commento